• Pubblicata il:
  • Autore: Francesco
  • Categoria: Racconti gay
  • Pubblicata il:
  • Autore: Francesco
  • Categoria: Racconti gay

Ho fatto la troia

Avevo voglia di prendere cazzi, quindi fatta la doccia indossai il cockring, un jockstrap e mi infilai la tuta per andare in un locale dove si sarebbe svolta un naked-underwear party. Arrivai e una volta spogliato, rimanendo con gli "slip aperti dietro", iniziai a dare un'occhiata. C'era un po' di gente, ma non molta, un po' di tutte le età e di tutti i gusti. Dopo un po' di tentennamenti e una birra per prendere quel tanto di brìo che mi mancava, mi addentro nella dark, che non era proprio così buia come in altri locali. Tra tutti spicca un cazzo in tiro: bello lungo e piuttosto grosso. Lo accarezzo e il tizio mi afferra la mano; quindi mi fermo, mi inginocchio e comincio a spompinarlo. Facevo fatica a tenerlo tutto in bocca per la lunghezza, ma mi piaceva molto; intanto altri passavano e guardavano, finché uno non si ferma e se lo fa menare mentre continuo il pompino. La situazione continua per qualche minuto e poi viene proclamata la pausa... mi stacco da quei cazzi e riprendo il mio girovagare. La serata passa tranquilla e non rimedio altro che pompini, ma io lo volevo in culo, finché non vedo un tizio seduto sul divanetto in mezzo alla sala con un bel cazzone grosso svettante: mi inginocchio davanti a lui e lo prendo in bocca. Dopo poco sento qualcuno dietro di me, ma non mi giro a guardare: mi tocca il culo e, dopo averlo bagnato un po', mi incula. Non era un cazzo grande, ma almeno lo stavo prendendo. La situazione procede per qualche minuto e poi, data la posizione scomoda (ero in ginocchio su un gradino molto duro), mi alzo e, così, anche questo amplesso si conclude. Il bello è che eravamo nella sala illuminata, così tutti avevano potuto vedere e chi fosse stato interessato, avrebbe saputo dove trovarmi... Mi porto nuovamente nella dark che nel frattempo si era popolata. Vedo un bel tizio non alto, muscoloso, con un cazzo veramente lungo: almeno 23cm. Lo tocco, non si scosta, allora mi abbasso e comincio a succhiarlo. Gli piace, quindi mi prende per mano e mi porta in un camerino dove senza preamboli comincia a incularmi e mi sbatte in modo animalesco e io godo come un matto: la porta è aperta e altri vedono. La monta continua per parecchi minuti, ero in estasi e il toro di turno non si fermava stimolato com'era da un altro bel maschione che gli strizzava i capezzoli. Non so per quanto siamo andati avanti ma quando il bel cazzone decide di fermarsi, ho il tempo di prendere un po' di respiro. Vado in bagno per darmi una rinfrescata e poi riprendo la caccia, incappando in due esemplari alti, fisico atletico e bei cazzi che mi avevano visto nella sala precedentemente. Senza timore mi butto sul cazzo di uno dei due: lo succhio, mentre l'altro comincia ad occuparsi del mio culo. Una situazione che mi piace molto è succhiare mentre mi inculano, soprattutto quando altri posso vedere. Così continuiamo per un po', poi si scambiano i ruoli e vengo riempito in bocca e inculo da bei pezzi di carne dura... finché non vengono entrambi, sborrandomi in faccia: tanti bei schizzi di liquido caldo addosso, ma non senza dare una succhiata finale per pulirli completamente. Avevo il buco del culo piuttosto provato, ma molto soddisfatto e, felice, son tornato a casa.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!