LA FINTA BAMBOLA - 2^ parte

LA FINTA BAMBOLA - 2^ parte

Ho posato con delicatezza gli altri manichini davanti all'armadio, come se fossero sedute lì a guardarci, mi sono spogliato tenendo solo i minislip e mi sono sdraiato accanto a lei.
- Sei meravigliosa... mi ricordi tanto l'attrice di "Pretty Women"...
Le ho leccato la bocca con un dolce picchiettìo e le ho massaggiato il seno, i fianchi e le cosce con delicatezza, eppure non si è mossa.
Sono scivolato sotto la minigonna, le ho tolto le mutandine e le ho accarezzato l'inguine. Neanche una piega.
Il cazzo duro svettava fuori dai minislip e chiedeva le sue attenzioni. Li ho levati e gliel'ho strofinato sulle labbra della bocca. Nessuna reazione.
Devo ammettere che ero demoralizzato. Anche se sapevo che era tutta una finzione, evidentemente non conoscevo bene le regole del gioco. Tuttavia ho insistito. Ho sfilato la minigonna, il body ed il push-up, lasciandole solo gli stivali. Le ho messo due cuscini sotto il culo, le ho succhiato le tette ed ho cominciato a baciare e leccare le sue seconde e terze labbra, quelle della figa!
Finalmente un sussulto! Ho usato la lingua per aprirle e l'ho spinta dentro la vagina e poi sul clitoride. Ora il suo respiro si sentiva chiaramente e si era fatto più veloce. Il bacino ha tradito i primi tremori, ho continuato con pazienza a leccare finchè non ha raggiunto un super-orgasmo sollevando le cosce, sospirando ed inarcandosi con vibrazioni senza più controllo.
Eppure non ha detto nulla.
Ero stanco, il mio cazzo eretto gocciolava liquido seminale e chiedeva pietà. Ho provato a metterglielo di nuovo in bocca. Niente da fare!
Allora ho pensato: "A mali estremi.. estremi rimedi!" C'era un altro buco che, ormai copiosamente unto e dilatato, non poteva più opporsi: la vagina! Visto che la bambola non poteva muoversi, le ho aperto le gambe con decisione e l'ho montata con forza. La sua immobilità ha vacillato sotto i colpi del mio cazzo e le è sfuggito qualche gemito. Non so se ha goduto ancora, ma io ero al limite e stavo per sborrare. Così l'ho tirato fuori e le ho schizzato tutto sulla faccia.
Ooooh... non si è mossa nemmeno stavolta!
Avrei voluto proseguire con la sodomia o qualcos'altro ma, sinceramente, era un gioco troppo faticoso per il maschio e troppo riposante per la femmina.
Sono andato in bagno, mi sono rivestito, le ho dato un bacetto in fronte e sono andato via chiudendo la porta. Non ci crederete... ma non mi ha neanche salutato!
FINE

Vota la storia:




17/08/2016 15:17

marcellino

Ma vai a farti vedere da uno bravo invece di scrivere ste cazzate inventate!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!