LA GRASSA POMPINARA

Enrico, il mio attuale compagno, prima stava con una donna grassa che si chiama Sofia. Di viso era anche carina, ma di corpo... bleah! Io invece sono più bella, magra, con il ventre piatto, e ho anche due discrete tette. Da quando si sono lasciati, le comuni amiche dicono che Sofia non ha mai avuto un altro cazzo per le mani. La poverina, afferma di essere fidanzata con qualcuno, ma nessuno l'ha più vista in giro con un maschio dal febbraio 2016. Non che io sia una tipa gelosa, tantomeno di lei, ma così, per pura curiosità, il mese scorso mi sono messa a spiare l'ingresso di casa sua dalla finestra del mio balcone (abita a 50 mt., proprio di fronte al mio condominio). Ho notato che, specialmente nei fine settimana, c'era un andirivieni continuo di uomini In particolare, ce n'era uno che , quasi tutti i giorni, arrivava alle 6 di sera e se ne andava circa un'ora dopo. Indossava sempre una felpa col cappuccio, come se avesse paura di essere riconosciuto. La mia curiosità è diventata morbosa. Allora ho comprato un binocolo professionale e ho cominciato a controllare le sue finestre proprio a quell'ora. Il luglio scorso, alle 6.30 di sera, faceva un caldo africano e il finestrone del suo balcone era spalancato. Poverina, forse non aveva neanche i soldi per mettere un condizionatore. Il tipo misterioso era nudo, seduto sul divano, e la cicciona gli stava facendo un pompinazzo. Non riuscivo a distinguere la faccia di lui perchè la visuale era limitata da un pezzo di tenda, ma sembrava che godesse come un porco. Ooooh, di filmini porno ne ho visti, ma mai una cosa del genere! Sofia, anche lei nuda e seduta col suo culone sul pavimento, gli succhiava il cazzo con una abilità da escort di prima scelta! Lo leccava sulla punta e sul filetto, per poi divorarlo e ingoiarlo fino ai coglioni! Il tipo aveva il cazzo con le vene così gonfie che sembrava potessero esplodere da un momento all'altro! Ma la cosa più divertente era quando lo metteva dentro fino in gola. Non si può immaginare. Mi ero addirittura eccitata e non riuscivo a stare ferma. Così mi sono sditalinata come una ragazzi e, mentre lui le sborrava in bocca e sulla faccia, ho goduto anch'io. Ho goduto un po' meno qualche minuto dopo, quando il tipo l'ha baciata a lungo nella bocca sborracciata e si è alzato per prendere una sigaretta. Era Enrico... il MIO Enrico!

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!