MI SONO INNAMORATO DI DUE LESBICHE - parte seconda

MI SONO INNAMORATO DI DUE LESBICHE - parte seconda

Con la scusa che non stava bene, presto ci siamo congedati e l'ho accompagnata in macchina. Davanti a casa loro, mi ha baciato ancora e mi ha trascinato nel mini-appartamento. Mentre mi baciava, ha slacciato la cintura, aperto la lampo dei miei jeans ed abbassato lo slip stringendomi forte il cazzo. Ero eccitato da più di un'ora e, mentre mi faceva una sega in piedi, ho scaricato lo sperma proprio sui jeans.
- Scusami, adesso hai i pantaloni pieni di sborra...
Si è accovacciata sulle gambe e mi ha leccato il pene moscio, ingoiando tutto il liquido seminale rimasto.
- Tranquillo, vedrai che tra qualche minuto ritorna duro come un salsicciotto surgelato.
Detto e fatto! Teresa ha raggiunto in fretta il suo obbiettivo, concentrando le leccate sul bordo della cappella e sul filetto, mentre la sua mano massaggiava delicatamente le mia palle. Si è messa a pecorina sul divano lasciando poco all'immaginazione: voleva essere scopata. Le ho afferrato i fianchi e l'ho penetrata nella vagina calda ed unta con delicatezza, spingendo lentamente. Finchè lei ha detto:
- Forza bello! Voglio essere scopata, non masturbata...
Questo suo atteggiamento da capo che dà gli ordini mi irritava e mi eccitava. Comunque, nel dubbio, ho cominciato a montarla con cattiveria, stringendo le sue tette con una mano e stimolando ripetutamente il clitoride con l'altra. Avevo eiaculato da poco e potevo durare ad oltranza. Mentre mugolava ed ansimava, ogni tanto le mordevo il collo e le orecchie. Dopo pochi minuti, i mugolii sono diventati urli e l'ansimare si è trasformato in spasmi e contrazioni sempre più forti. Quando è venuta, io ho continuato a montarla senza tregua fino a farla godere un'altra volta ed un'altra ancora. Ho guardato l'orologio, dopo 18 minuti di scopazzamento, sicuro del suo rifiuto e desideroso di sborrare, le ho chiesto se voleva ancora andare avanti, ma lei...... lei ha risposto di sì!!!
Di fronte alla sua insaziabilità, mi sono arreso e le ho riempito la figa di milioni di spermatozoi mezzi addormentati, come me e come lei. Siamo andati in camera da letto, ci siamo distesi sul suo letto red il sonno ha avuto il sopravvento.

CONTINUA

Vota la storia:




25/11/2016 15:42

paola

secondo me sei un vero bugiardone! Io son lesbica vera e te sei un mitomane! La storia e palesemente inventata! Ma cosa volete dimostrare? Ma perche almeno non usate di piu a fantasia, per scrivere storie un po piu e eccitanti!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!