• Pubblicata il
  • Autore: Edgecombe
  • Pubblicata il
  • Autore: Edgecombe

Una milf da film (parte 4 - incontentabile) - Bari Trasgressiva

Un’altra estate era passata. Dall’ultima scopata di mamma con S. e L. era già passato qualche mese, nel frattempo era finito un mese di villeggiatura condito da alcol, donne e quant’altro. Sembrava che dovesse tornare tutto a posto a partire da settembre, nonostante fossi irrimediabilmente considerato un figlio di zoccola (non pochi i messaggi durante questo mese sulla falsariga di “quando torni? Non ho ancora avuto l’onore di esplorare tua mamma M…”), i rapporti con mia madre sembravano essere tornati normali, e lei sembrava non aver più fame dei miei coetanei, anche se mi capitò di averla vista ammiccare al bagnino del lido, che infatti un giorno entrò in cabina con mamma praticamente alla luce del sole.
Tornati a casa, mi sembrava di essere uscito dal tunnel erotico che avevamo entrambi imboccato, eppure quel desiderio così psicologicamente malsano e perverso si rifece avanti dentro di me.
Un giorno iniziai a farle domande scomode per testare un eventuale nuova botta incestuosa:
“Mà, per curiosità, quest’anno hai concluso nulla col bagnino?”
Ghignò, guardandomi con un’occhiata di tenerezza.
“Caro, ho quasi 49 anni, dovresti sapere che se voglio qualcosa la ottengo…”
“Non avevo dubbi! Mi faresti un resoconto?”
“Non mi va” disse, alzandosi dalla sedia e avvicinandosi lasciva ai fornelli, “ti deve bastare sapere che il materassino della nostra cabina potrebbe essere stato un po’ sporco ultimamente …”
Rimasi immobile per un attimo, e poco dopo tirai fuori il mio pene semi-eretto e iniziai a toccarmi di fronte a mamma, che si limitò ad osservarmi soddisfatta.
“Vedo che le avventure erotiche di tua madre ti eccitano ancora…”
“Certo… Noto che è da un po’ che non contatti i miei amici!” proferii continuandomi a toccare.
Non rispose, ma cominciò a masturbarmi di sua volontà. Venni poco dopo, e dopo avermi pulito andò a letto. La sega mi placò per poco meno di mezz’ora.
Pensavo che in fondo mamma si era confermata come assatanata di cazzo, tempo qualche giorno e avrei potuto organizzare qualcosa per lei. Magari, riflettevo perversamente, una bella adunata di cazzi a lei sconosciuti le avrebbe fatto molto piacere.
Riconoscevo di fatto che sebbene le esperienze passate mi avessero fatto sentire un bel figlio di puttana la sensazione di immaginare mamma che si faceva infilare da diversi cazzi mi faceva, ancora una volta, pulsare il pene. E quindi, a costo di scottarmi ancora, volevo realizzare la mia ennesima fantasia.
Mamma contro tre,quattro ragazzotti, vediamo come se la cava!
E poco dopo trovai l’espediente decisivo, una buona partita di calcio in tv, un modo perfetto di radunare uomini nello stesso posto, con un bel troione come mia madre di contorno.
Per quanto fossi molto motivato nei propositi, non riuscii ad accennarle il mio progetto. Tuttavia lei aveva già ampiamente dimostrato che fare la zoccola di spontanea volontà le usciva molto, molto bene; perciò decisi che le avrei fatto trovare il piatto pronto.
Un paio di giorni prima della partita (un’amichevole, per giunta, per sottolineare il fatto che fosse solo un pretesto…) cominciai a invitare i candidati, e scelsi quattro amici che non avevano ancora avuto modo di ammirare il fisico da porno attrice di mia madre M.
In primis chiamai A. , un ragazzo con cui non avevo molto a che vedere, ma la cui incredibile ipocrisia nel fingersi mio amico dopo la divulgazione della mia mamma porca mi faceva arrapare da morire.
Poi R., un tipo noto in città per il suo enorme attrezzo, e D. e V. , altri amici stretti che mai mi dissero di volersi portare a letto mia madre per una vera amicizia di fondo, ma che avevano accettato l’invito senza batter ciglio.
Arrivò quindi il giorno: D. e V. si presentarono con largo anticipo, seguiti dagli altri due. In prima serata iniziò la partita, a cui davvero eravamo tutti poco interessati, però mamma sarebbe arrivata solamente più tardi. Quando li vide tutti, appoggiati sui divani in pose annoiate, probabilmente i bollori della sua fica la stavano facendo scoppiare dall’eccitazione, visto lo sguardo di complicità che aveva scoccato verso di me, dopo aver osservato quattro suoi oggetti del piacere, più il figlio, sotto lo stesso tetto. Fingendo indifferenza, salutò distrattamente gli ospiti e sculettò verso la camera da letto, mentre il suo grande fondoschiena già distraeva i ragazzi che, dal canto loro, sembravano essersi svegliati da un torpore.
La partita finì ben presto, una roba noiosissima che tra l’altro ci aveva anche visto perdere. R. e D. si lasciarono andare a discussioni inutili sulla partita, troncate dall’ennesima scena pornografica che vidi in casa mia. Mamma era uscita dalla sua camera, percorrendo il corridoio era arrivata da noi con una vestaglia trasparente fino al ginocchio, le lunghe gambe ornate da autoreggenti nere, in linea con lo slip e con il reggiseno di pizzo che provava a nascondere la sua quinta misura. Si avvicinò a loro e, chinandosi, iniziò a parlare:
“che c’è ragazzi, siete rimasti un po’ delusi dalla partita?”
Nessuno rispose, i quattro amici erano basiti, ammutoliti dalla presenza di una donna simile.
“Io”, riprese “conosco un metodo veloce per farvi tornare il sorriso”, e si avvicinò a R. leccandogli l’orecchio.
E proprio davanti a R. si lasciò cadere la vestaglia, sfiorandosi lentamente la coscia destra con la mano. Si girò verso di me, e iniziammo a baciarci caldamente sotto gli sguardi esterrefatti degli amici. Poi mi spinse con forza su una sedia, e iniziò a umiliarmi verbalmente:
“Sapete che a mio figlio, piuttosto che correre dietro alle coetanee, piace più vedere gli amici che si sbattono la mamma? Che dite, vorreste accontentarlo?” .
Ancora nessuno ebbe il coraggio di rispondere.
“Tutti timidi oggi… Vi farò vedere una zoccola esperta come vi può far godere…”
Dirigendosi verso V. si cala lentamente gli slip, mostrandogli la nera peluria.
“Ti va di leccarla?” chiese sedendosi accanto, e ovviamente lui si fiondò, inginocchiato sul divano, a leccare la fica di mamma. Doveva saperci fare, lei iniziò a emettere gridolini e a muoversi convulsamente. Nel frattempo A. aveva preso coraggio, le si era avvicinato e le stava per appoggiare il cazzo in bocca. Mamma lo prese con molto piacere, diede un paio di leccate per poi toglierlo e dire:
“Voi altri due, iniziate a masturbarvi… tra poco arriverò anche per voi!”
E riprese a succhiare il cazzo di A. che iniziava a fare versi animaleschi e a spingerlo con forza in gola. V. continuava il suo sapiente lavoro di lingua, e gli altri due avevano iniziato a toccarsi , ancora increduli della scena. A. aveva tolto l’attrezzo e aveva iniziato a passarlo lentamente tra le due labbra di mia madre che lo assaporava con piacere, toccandogli le palle e stringendole, abbassava la sua lingua dalla cappella lungo tutto l’asta, mentre V. aveva infilato prima due e poi tre dita nella sua fica bagnatissima e slabbrata.
“Girati baldracca di merda, ti devo spaccare tutta!” Disse A. sudando.
Mamma gli si staccò dal cazzo e, con tono imperioso, ordinò:
“Non ti permettere più, ragazzino! Oggi non potete entrare nei buchi, ho voglia di pompini e succhierò quattro cazzi, se volete potete leccarmi tutta ma niente penetrazioni!”
E A. si sottomise al suo volere. Lui e V. si staccarono da mamma che si era alzata ed era diretta verso R.
Gli si sedette in braccio, con un colpo secco si staccò il reggiseno e gli fece ammirare le sue grandi tette, con le areole scure e i capezzoli induriti, sbattendogliele in faccia gli ordinò di leccarle, ed R. da bravo schiavetto eseguì.
La scena dal mio punto di vista era pazzesca: mamma era tutta un brivido, si era avvinghiata a lui, i suoi capelli neri le coprivano la faccia quasi indemoniata, mentre il suo seno aveva fatto sparire R. che a tratti ricompariva per leccare a lungo i capezzoli duri, mentre lei come spesso accadeva mi guardava ridendo.
La faccia di R. uscì sudata dalle tette di mia madre, e iniziarono a baciarsi follemente, le lingue percorrevano giri incredibili e la saliva grondava a fiotti sui corpi, mamma si staccò in fretta e accolse il pisello di R. tra le sue tette. Era la spagnola più bella mai vista per me, le tette di mamma erano il cuscino più accogliente per il mio amico, i cui versi indecifrabili facevano il paio con i lunghi sguardi di intesa che aveva con lei. Il cazzo scendeva e saliva, scendeva e saliva ritmicamente dalle sue tette lasciando gocce di liquidi sul suo corpo. Ancora una volta lei si staccò di forza, come a segnalare il dominio che voleva avere sui ragazzi, come testimoniavano gli sguardi attoniti di A. e V. nell’attesa del prossimo giro di seghe, pompini, spagnole e leccate di figa. E io guardavo: mia mamma che faceva la porca era una fantasia di cui non ancora mi ero stancato: e pare che nemmeno lei fosse stanca di succhiare, come testimoniò quando, completamente nuda, si inginocchiò da D.
“Caccia il tuo pisello…”
“No, prendimelo tu, zoccola!”
E lei non esitò. Calò i pantaloni e i boxer di D. con una lentezza inesprimibile, sembrava un’eternità a me spettatore. Quando il suo pene sgusciò, eretto e con la cappella di fuori, mamma ne rimase quasi affascinata: la sua bocca lussuriosa era a un paio di centimetri da lui, rimaneva con la bocca aperta, mordendosi le labbra in maniera spinta. Iniziò a fare un lento su e giù mentre fissava D. che era già in preda all’estasi nel vedere mia madre toccargli il cazzo: i due continuavano a fissarsi mentre mamma gli diede un lento bacio sulla cappella, poi un altro, poi un terzo… e iniziò anche a spompinare D. furiosamente, mentre lui le spingeva la testa con una mano e con l’altra toccava le tette, mentre la mia milf si era infilata un dito nel culo (meno male che non voleva coinvolgere i buchi…) che spingeva dentro sé con forza, d’accordo con i colpi di lingua sul cazzo di D.
R. invece ormai era andato, si fiondò su mamma costringendola a staccarsi dall’amico per baciarla ancora sul freddo pavimento. Lo stesso D. si mise accanto a loro, e in men che non si dica alternava le effusioni con D. a quelle con R. , mentre i ragazzi si erano fiondati uno sulle tette, titillandole i capezzoli e schiaffeggiandole, un altro invece sulla fica, intervenendo prima con le dita e poi con la lingua.
Arrivarono quindi A. e V., stufi di aspettare, e mamma si avvicinò a loro, inginocchiandosi succhiando a turno prima il cazzo di uno poi dell’altro, leccandoli con gusto per la gioia dei rispettivi proprietari.
Io, ancora seduto e imperterrito, ero rimasto ipnotizzato dal culo di mia madre, grande, con un po’ di cellulite, che ballava mentre lei riceveva i miei amici in bocca, che veniva schiaffeggiato da loro come se fosse l’ultima delle puttane, e sul quale si fiondò D. che le aprì le chiappe e leccò il buco dell’ano, mentre lei si apriva nettamente la strada della fica con le dita...
“Ragazzi mi state uccidendo, ma quanto mi state facendo sentire troia…. Venite più spesso a casa che M. vi regala tutto!! Mmmmmmhhhhh quanto è buono il cazzo di A….”
Si rialzò e fece sedere tutti i miei quattro amici sul divano: aveva la visione di una batteria di cazzi pronti a soddisfarla, però ribadiva di non volere niente di vaginale o anale per quella sera. E iniziò a passare dal succhiare un cazzo a un altro, dal masturbarne uno a un altro, con le movenze di chi ci sa fare.
Intanto V. fu il primo della lista a venire: eiaculò dritto sulla faccia di mamma, che fu poi lesta nel ripulirlo dagli avanzi di sborra della sua cappella… “Hai una sborra buona, V. , devo tenerlo a mentre per quando tornerai…” Non fece in tempo a finire la frase perché gli altri, sul punto di venire, si fiondarono su di lei ancora una volta: D. la prese da dietro, iniziò a baciarle il collo e a toccarle l’ano con un dito; A. continuò a farsi spompinare, R. invece prese in consegna le tette enormi che ballavano, mettendo il suo organo lì in mezzo. E non ci volle molto a far venire i tre.
R. spedì il fiotto di sperma sul seno, D. tra le chiappe e A. dritto nella bocca.
Mamma, stremata, si stese sul divano tra due di loro per prendere fiato.
“Piaciuto lo spettacolo amore?” si rivolse a me, mentre gli “amici” ridacchiavano.
“grandioso! Sei sempre più zoccola mà!”
Gli altri si rivestirono in poco tempo, salutarono me e mia madre con epiteti poco gentili e, appena chiusa la porta, io la sollevai e la portai sul tavolo della cucina.
“Troia, non mi devi umiliare!” protestai veementemente.
Mamma rispose mettendomi le tette in faccia; vedere quel seno che ballava di fronte a me era sempre più eccitante, le chiesi di girarsi per un 69, e mi ritrovai a leccare la sborra di D. mentre lei, senza più forze, mi leccava stancamente.
“Ti vedo stanca, mettiti a pecora così concludiamo in fretta” le proposi, e lei si piegò ricevendo le mie spinte potenti che durarono non più di un minuto, prima che per la quinta volta nella sera lei si macchiasse.
Come al solito, ci rivestimmo in solitario e ci lavammo; quando la sera ci ritrovammo a letto mi fece:
“Oggi è stato incredibile… Secondo te fino a quando arriverà la mia escalation di troiaggine?”
“Non so, mà. Comunque i tuoi spettacoli mi fanno arrapare così tanto!”
“Ehhh caro, avresti dovuto esserci con il bagnino… Il cazzo più buono che abbia mai provato!” esclamò “al pari di quello dei tuoi amici…”
E ci addormentammo, ancora una volta con pensieri perversi.


Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!
26/09/2012 11:20

Nicola

speziab@tiscali.it .. Contattami ci conto voglio trombarmi quella vacca

26/09/2012 10:41

Nicola

Tua mamma è davvero di Spezia?? Anche io ho 20 anni fammela scopare sono pronto anche a pagare.. Contattami! Ti prego ho sborrato un fiume a leggere di quella Troia di tua mamma

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati